Aggiunte, modifiche da fare a questa pagina? Segnalatelo!

Realizzazione Antonio Genna

Il mondo dei doppiatori
La pagina di ALBERTO LUPO
Foto di Alberto Lupo
(per l'immagine grazie ad Andrea)


File audio: la voce di Alberto Lupo nel film "La conquista dello spazio", in cui doppia Eric Fleming.

Nato a Genova il 19 dicembre 1924, morto a San Felice Circeo il 13 agosto 1984. Attivo negli anni '60 per la C.I.D.
Vero nome: Alberto Zoboli.


Alcuni attori e personaggi doppiati:
FILM CINEMA
  • Neville Brand in "La principessa di Moak"

  • Charles Denner in "Landru"

  • Eric Fleming in "La conquista dello spazio"

  • Arthur Franz in "Gli invasori spaziali"

  • Robert Brown in "Il mostruoso uomo delle nevi"

  • Christopher Plummer in "Fascino sul palcoscenico"

  • Francisco Rabal in "Tiro al piccione"

  • John Wayne in "Il sentiero della vendetta/La valle dei dannati"

  • Reg Park in "Maciste contro i mostri"

  • Voce narrante in "Uomini ombra" (1954)

  • "Il pianeta proibito" (Robby il Robot)

  • "Le prigioniere dell'isola del diavolo" (Il sorvegliante)



Altre attività:
CINEMA
  • Film: "L'ultima violenza" (1957)

  • Film: "Erode il grande" (1958), nel ruolo di Aronne

  • Film: "Lupi nell'abisso" (1959)

  • Film: "La battaglia di Maratona" (1959), nel ruolo di Milziade

  • Film: "Il sicario" (1960)

  • Film: "Seddok, l'erede di Satana" (1960), nel ruolo del prof. Alberto Levin

  • Film: "Teseo contro il Minotauro" (1961), nel ruolo di Ciro

  • Film: "Ursus nella valle dei leoni" (1961), nel ruolo di Ayak

  • Film: "Rocco e le sorelle" (1961)

  • Film: "Drakut il vendicatore" (1961)

  • Film: "Le baccanti" (1961), nel ruolo di Pentheus

  • Film: "Zorro alla corte di Spagna" (1962)

  • Film: "Lo spadaccino di Siena" (1962), nel ruolo di Andrea Paresi

  • Film: "Rocambole" (1962), nel ruolo di Keller

  • Film: "La monaca di Monza" (1962)

  • Film: "Lasciapassare per il morto" (1962)

  • Film: "Il giorno più corto" (1962)

  • Film: "Finché dura la tempesta" (1962), nel ruolo di Magri

  • Film: "Un alibi per morire" (1962)

  • Film: "La portatrice di pane" (1963), nel ruolo di Etienne Castel

  • Film: "Coriolano: eroe senza patria" (1963)

  • Film: "Leone di Tebe" (1964), nel ruolo di Menelao

  • Film: "Il figlio di Cleopatra" (1964), nel ruolo di Ottaviano

  • Film: "Il tormento e l'estasi" (1965), nel ruolo del Duca di Urbino

  • Film: "Genoveffa di Brabante" (1965)

  • Film: "A 008, operazione Sterminio" (1965), nel ruolo di Frank, agente 006

  • Film: "Django spara per primo" (1966)

  • Film: "Le notti della violenza" (1966)

  • Film: "Io ti amo" (1968), nel ruolo di Tancred

  • Film: "Action (1980), nel ruolo di Joe

TEATRO
  • Alberto Lupo iniziò la sua carriera teatrale nel 1946 quando si iscrisse al Centro sperimentale "Luigi Pirandello" di Genova, dove rimase fino al 1952. In seguito lavorò con grandi nomi del teatro italiano, come Giorgio Strehler e Gino Cervi.
    In teatro recitò in:

    • "Elisabetta d'Inghilterra" (1952) di Bruckner, diretto da Giorgio Strehler

    • "Elettra" (1952) di Sofocle, diretto da Giorgio Strehler

    • "Sei personaggi in cerca d'autore" (1953) di Luigi Pirandello, diretto da Giorgio Strehler

    • "Cyrano di Bergerac" (1953-54), di Edmond Rostand, diretto da Rouleau, con
      Gino Cervi

    • "Corte marziale per l'ammutinamento del Caine" (1954-55), di Herman Wouk, diretto da Luigi Squarzina, con Vittorio Sanipoli, Cesare Polacco e Ivo Garrani

    • "Chi ha paura di Virginia Woolf?" (1977), di Edward Albee

TELEVISIONE
  • Fu grazie alla televisione che Alberto Lupo ottenne un enorme successo, soprattutto tra il pubblico femminile, per la voce profonda e seducente e lo sguardo virile. Negli anni ’50 e ’60 fu infatti il "romantico" interprete di decine di romanzi sceneggiati. Indimenticabile il ruolo del dottor Manson che l’attore rivestì nel celeberrimo sceneggiato "La cittadella" (1964). Nel 1977 venne colpito da trombosi cerebrale e visse in stato di coma per un lungo periodo. Al risveglio dovette affrontare una drammatica riabilitazione. Dopo esser riuscito a recuperare la voce, tornò a recitare in alcune produzioni televisive.
    Sono da ricordare le sue partecipazioni in:

    • Sceneggiato: "Piccole donne" (Rai, 1955), di Anton Giulio Majano, con Lea Padovani, Emma Danieli e Vira Silenti

    • Sceneggiato: "Capitan Fracassa" (Rai, 1958), di Anton Giulio Majano, con Arnoldo Foà, Lea Massari e Nando Gazzolo

    • Sceneggiato: "Padri e figli" (Rai, 1958), di Guglielmo Morandi, con Mario Feliciani, Franco Volpi e Eleonora Rossi Drago, nel ruolo del medico Bazarov

    • Sceneggiato: "Il caso Maurizius" (Rai, 1961), di Anton Giulio Majano, con Mario Feliciani, Corrado Pani e Virna Lisi

    • Sceneggiato: "Una tragedia americana" (Rai, 1962), di Anton Giulio Majano, con Warner Bentivegna, Virna Lisi e Lilla Brignone

    • Sceneggiato: "I Giacobini" (Rai, 1962), di Edmo Fenoglio, con Serge Reggiani, Warner Bentivegna e Valeria Ciangottini, nel ruolo di Camillo Desmoulins

    • Sceneggiato: "La cittadella" (Rai, 1964) di Anton Giulio Majano, con Anna Maria Guarnieri, Nando Gazzolo e Eleonora Rossi Drago, nel ruolo del dottor Manson

    • Spettacolo musicale: "Biblioteca di Studio Uno" (Rai, 1964), con il Quartetto Cetra, nella puntata "I tre moschettieri", nel ruolo di D'Artagnan

    • Sceneggiato: "Resurrezione" (Rai, 1965), di Franco Enriquez, con Valeria Moriconi, Sergio Tofano e Guido Alberti, nel ruolo del principe Dmitrij Ivanovich Nechljudov

    • Varietà: "Partitissima" (Rai, 1967-68), di Romolo Siena, con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia

    • Sceneggiato: "Come un uragano" (Rai, 1971), di Silverio Blasi, con Delia Boccardo, Corrado Pani e Renzo Montagnani, nel ruolo del detective

    • Sceneggiato: "Un certo Harry Brent" (Rai, 1971)

    • Varietà: "Teatro 10" (Rai, 1971-72), di Antonello Falqui, dove interpretava con Mina la famosissima sigla "Parole, parole, parole"

    • Varietà: "Senza rete" (Rai, 1975), di Giancarlo Nicotra, con Lino Banfi

    • Sceneggiato: "L’eredità della priora" (Raiuno, 1980), di Anton Giulio Majano, con Alida Valli, Giancarlo Prete e Luigi La Monica

    • Sceneggiato: "L’amante dell’Orsa Maggiore" (Raiuno, 1983), di Anton Giulio Majano, con Ray Lovelock, Sandra Collodel e Lea Padovani, nel ruolo di Bolek
      Cometa


AntonioGenna.net presenta IL MONDO DEI DOPPIATORI © 2001 e anni successivi Antonio Genna
E' consigliata una risoluzione 1024 x 768 con Microsoft Internet Explorer versione 5 o superiore
E' vietato inserire in altre pagine il materiale presente in questo sito senza esplicita autorizzazione!


Torna all'indice dei doppiatori

Torna alla home page del sito